Maledetti toscani!

collinatoscana– E poi, vedrà, la prima collina Imolese somiglia molto alle colline toscane.

Queste sono state le parole di commiato, venate di malcelato orgoglio, pronunciate dalla responsabile dell’ufficio accoglienza dopo il breve incontro di rito per la registrazione dell’arrivo di un nuovo paziente, l’incipit del primo giorno di ricovero di Sabrina presso il “Montecatone Rehabilitation Istitute” nome altisonante e, di primo acchito, anche un po’ presuntuoso, se vogliamo, dietro al quale però c’è effettivamente uno dei principali centri riabilitativi d’Italia, centocinquanta posti letto con pazienti da tutta la nazione, in particolare da Sud, giustificate dalle carenze del Sistema Sanitario Nazionale in questo tipo di servizio nel nostro Meridione.

Stasera non la farò lunga più di tanto, è ancora presto per raccontare qualcosa di più, qualche impressione su questa nuova tappa; e poi c’è questa cosa della collina…

Sono stato a Montecatone, a cinque chilometri da Imola, solo due volte, la prima circa tre settimane fa e poi oggi, quindi troppo poco per giudicare.

Sono nato in Toscana, quello è il mio DNA da sempre; ormai sono molti gli anni che mi fanno dire con certezza che la prima collina imolese non somiglia per niente alle colline toscane.

La prima collina imolese non è un insieme di colline, è la pianura che, poco distante dalla via Emilia, si piega e inizia a diventare una salita, tutta la pianura, da Castel San Pietro Terme fino a dopo Imola, come un foglio A4, steso sul tavolo, al quale sia stata impressa una dolce curvatura verso l’alto, nel senso del lato lungo.

La prima collina imolese avrà il suo fascino, nei prossimi giorni sicuramente lo vedrò e scoprirò che è bella, ma non somiglia per niente alle colline toscane, non c’è nulla da fare.

Per oggi è tutto.

«…siamo, e a ragione, crudeli e faziosi, cinici e ironici; perché abbiamo il sangue caldo e la testa fredda; perché siamo nati proprio e soltanto per dire quel che agli altri non piace sia detto…»

Curzio Malaparte, “Maledetti toscani”, 1956

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...